Le uova di Pier

Sabato 16 aprile alle ore 17,00, presso la galleria del Museo Civico, inaugura la mostra ‘Le Uova di Pier’, un’incredibile collezione di uova di struzzo e d’oca intagliate e dipinte interamente a mano dall’artista Pierangela Zammarini che ci racconta il suo lavoro in queste parole:

“Quando mi prendeva la vena artistica andava bene qualsiasi superficie: sabbia, lamiera, vetro, legno, una lavagna e ovviamente la prima pagina di qualsiasi quaderno. Purtroppo i pastelli erano pochi e quando si rompeva la punta per me era una tragedia perché non avevo un temperino e bisognava correre da papà, che con il suo coltellino mi aiutava a fare di nuovo una punta alle mie matite, se aveva tempo. Da grande bisognava lavorare e non c’era più tempo per colori o disegni, ma il caso ha voluto farmi lavorare nelle fabbriche di bambole e serviva qualcuno che ritoccasse loro il trucco, dipingesse occhi, bocche e vestiti, oltre a fare molta attenzione nel confezionarle. Potevo permettermi di avere matite, colori e tutto quello che mi serviva per sfogarmi ma, aimè, la fanciullezza se ne era andata!

Sono andata in pensione e qualche anno fa una parente mi ha regalato un uovo di struzzo, era la prima volta che ne vedevo uno e, osservando la sua superficie bianca e liscia, mi ha preso questa “frenesia”…niente è più riuscito a fermarmi!

Le prime uova erano solamente dipinte con paesaggi di montagna, mare e stagioni con i loro colori e forme. Avendo poi a disposizione trapanini e fresine per restaurare statuette di gesso, ho cominciato a provare su queste particolari superifici e… sto continuando tutt’ora. Dai paesaggi dipinti con fiori, frutti e foglie sono passata al traforo, togliendo semplicemente il guscio in eccesso attorno ai soggetti; invece di scurire con la matita, uso il trapano.

Alle mie uova solitamente cerco sempre di aggiungere un piedistallo in legno che disegno io con un tornio, in questo modo sento di completarle veramente al 100% e una volta finite sono di tutte le forme e i colori. Non ci sono due uova identiche nella mia teca, ognuna di esse è un pezzo unico.

Mi piace far conoscere la mia arte, mi permette di far scoprire qualcosa in più di me in modo da comprendere al meglio quello che provo quando creo questi lavori.”

Pierangela Zammarini

BORSA SCAMBIO 2022

L’8 maggio torna l’edizione primaverile della Borsa Scambio di Canneto sull’Oglio che si svolgerà, come di consueto, nella piazza antistante al Museo Civico. Diversi gli eventi collaterali organizzati per grandi e bambini, per riscoprire bambole e giocattoli legati alla storia di Canneto, ma anche per un viaggio nel territorio per conoscere realtà agro alimentari locali.

Sabato 7 maggio presso il Teatro Comunale ‘Mauro Pagano’ sarà possibile assistere alla presentazione del libro ‘Creazioni Furga’, volume che illustra la storia della Furga dal 1968 al 1977, anni del boom economico. Il libro riporta tutti i cataloghi di quegli anni ed è arricchito da interessanti focus sugli aspetti economici e promozionali della ditta. Durante la presentazione interverrà il professor Ferdinando Superti Furga, uno degli ultimi componenti della famiglia a gestire la prima fabbrica italiana di bambole. Subito dopo la presentazione ci si sposterà in Museo per l’inaugurazione della mostra dedicata.

Domenica 8 si rinnova invece l’appuntamento con la Borsa-scambio del giocattolo d’epoca e di modernariato. A partire dalle ore 9,00 fino alle ore 18,00 numerosi espositori e collezionisti presenteranno al pubblico i loro pezzi più interessanti: dalle antiche bambole in biscuit alle più recenti in vinile, passando per quelle in cartapesta, polistirolo e polietilene; trenini in latta, cavalli a dondolo, giochi in legno, soldatini e macchinine. Una vera e propria festa di colori che susciterà nei visitatori ricordi legati ai giochi della loro infanzia. Dalle ore 15,30 inoltre bambini e ragazzi sono invitati al ‘Paese dei balocchi’, la borsa scambio per i più piccoli che potranno esporre i loro vecchi giocattoli e scambiarli con gli amici. Bambini e bambine avete un giocattolo che non usate più? Siete alla ricerca di macchinine, soldatini, personaggi o carte speciali per ampliare la vostra collezione? Volete trovare un nuovo abito alla vostra bambola? Cambiereste un vostro gioco di società con uno più divertente? Il vostro luogo magico è Canneto sull’Oglio proprio di fronte al Museo Civico! (per info e iscrizioni: info@museodelgiocattolofurga.it).

Quest’anno accanto alla Borsa Scambio sarà allestito anche il mercato agroalimentare ‘I paesaggi sostenibili del cibo’, un progetto della Rete degli Ecomusei della Lombardia cui aderisce anche l’Ecomuseo delle valli Oglio Chiese attraverso la valorizzazione delle proprie tipicità locali. Il progetto vuole coniugare il percorso di scoperta del cibo a quello del paesaggio, elementi inscindibili e caratterizzanti la vita e la cultura di un territorio. Nella rassegna, che sarà aperta dalle ore 9,00 alle ore 18,00 di domenica 8, si potranno trovare prodotti alimentari locali, tipici, di qualità, a Km0, al giusto prezzo, stagionali e freschi, che rispettano la sostenibilità e la biodiversità, la fertilità del suolo e la tutela del paesaggio.

Abbasso la pedagogia

AL MUSEO DEL GIOCATTOLO DI CANNETO SULL’OGLIO (MANTOVA) SI RICORDA LO SCRITTORE ED ENIGMISTA GIAMPAOLO DOSSENA

Bambole in cartapesta, colaggio e biscuit, cavalli giocattolo, modelli di teste in gesso, prototipi, fotografie e documenti. E’ il prezioso patrimonio del Museo del giocattolo di Canneto sull’Oglio (Mantova), che sabato 11 dicembre alle 16,00 farà da cornice alla presentazione del libro di Giampaolo Dossena ‘Abbasso la pedagogia’, pubblicato da Marietti 1820.

Giornalista, scrittore ed enigmista, Dossena (1930-2009) è stato tra i maggiori esperti di giochi e il primo a rendere popolari quelli con le parole sui maggiori quotidiani italiani. Collaboratore di Linus, L’Espresso, La Stampa, La Repubblica, Il Sole 24 ore e Tuttolibri, scrisse ‘Abbasso la pedagogia’ dopo aver scoperto una cartoleria degli anni Trenta, intatta, sotto il lato nord del Castello di Udine, ancora oggi perfettamente

conservata; un vero tesoro di giocattoli, strumenti didattici, cancelleria. Da questa scoperta parte il racconto dei giochi della tradizione che hanno accompagnato generazioni di bambini: il gioco dell’oca, la tombola, i puzzle, bocce e birilli, biglie e tanti altri che si potranno ammirare in una piccola mostra temporanea allestita apposta per l’occasione.

All’incontro interverranno il Professor Ferdinando Superti Furga, discendente della famiglia che alla fine dell’Ottocento aprì a Canneto sull’Oglio la prima fabbrica italiana di bambole, Roberto Farné, professore di Didattica generale all’Università di Bologna, e Marta Moruzzi di Marietti 1820.

RITORNO AL…PAESE DEI BALOCCHI

Sabato 25 settembre il Museo riapre e siamo già pronti per accogliervi! Sono previsti diversi eventi, primo dei quali il ‘Ritorno al paese dei balocchi’, la borsa scambio per i più piccoli che potranno esporre i loro vecchi giocattoli e scambiarli con gli amici. Bambini e bambine avete un giocattolo che non usate più? Siete alla ricerca di macchinine, soldatini, personaggi o carte speciali per ampliare la vostra collezione? Volete trovare un nuovo abito alla vostra bambola? Cambiereste un vostro gioco di società con uno più divertente? Il vostro luogo magico è Canneto sull’Oglio proprio di fronte al Museo Civico!

Vi aspettiamo sabato 25 alle ore 15,30 per allestire il vostro banchetto di giocattoli da scambiare!

Partecipazione gratuita, iscrizione obbligatoria a info@museodelgiocattolofurga.it

La manifestazione si svolgerà all’aperto, ad ogni bambino sarà assegnato un gazebo con tavolo e panca. In caso di maltempo l’evento sarà annullato.

BORSA SCAMBIO 2021

Il Museo Civico di Canneto sull’Oglio riapre le porte dopo una lunga, ma forzata, chiusura a causa degli avvenimenti dell’ultimo anno. L’appuntamento è per sabato 25 settembre alle ore 15,00 per poter finalmente rivedere la Collezione del Giocattolo Giulio Superti Furga con bambole e giocattoli dalla fine dell’800 ad oggi, e l’Ecomuseo Valli Oglio Chiese con la storia del territorio e delle persone che lo hanno abitato.

Domenica 26 si rinnova invece l’appuntamento con la Borsa-scambio del giocattolo d’epoca e di modernariato. A partire dalle ore 9,00 fino alle ore 18,00 numerosi espositori e collezionisti presenteranno al pubblico i loro pezzi più interessanti: dalle antiche bambole in biscuit alle più recenti in vinile, passando per quelle in cartapesta, polistirolo e polietilene; trenini in latta, cavalli a dondolo, giochi in legno, soldatini e macchinine. Una vera e propria festa di colori che susciterà nei visitatori ricordi legati ai giochi della loro infanzia. La Borsa Scambio si svolgerà nell’area pedonale antistante il Museo.

Un’altra novità all’interno del Museo sarà l’inaugurazione della sala dedicata a Francesco Atticciati, noto collezionista e restauratore di bambole di Firenze, venuto a mancare nel 2019 dopo lunga malattia. Atticciati per molti anni ha ridato vita ad intere generazioni di giocattoli, restaurando abiti, capelli, arti, parti meccaniche, oltre che collezionare numerose bambole, tra cui tutte le famose 4 S: Susanna, Sylvie, Sheila e Simona, delle quali possedeva ogni singolo abito. Le eredi di Atticciati hanno deciso di donare questi pezzi al Museo del Giocattolo di Canneto sull’Oglio, seguendo quello che era il suo desiderio, sono più di 350 le bambole donate, di queste la maggior parte troverà posto nella nuova sala a lui dedicata. L’inaugurazione di terrà domenica 26 settembre alle ore 11,00.

Quest’anno accanto alla Borsa Scambio sarà allestito anche il mercato agroalimentare ‘I paesaggi sostenibili del cibo’, un progetto della Rete degli Ecomusei della Lombardia cui aderisce anche l’Ecomuseo delle valli Oglio Chiese attraverso la valorizzazione delle proprie tipicità locali. Il progetto vuole coniugare il percorso di scoperta del cibo a quello del paesaggio, elementi inscindibili e caratterizzanti la vita e la cultura di un territorio. Nella rassegna, che sarà aperta dalle ore 10,00 alle ore 18,00 di domenica 26, si potranno trovare prodotti alimentari locali, tipici, di qualità, a Km0, al giusto prezzo, stagionali e freschi, che rispettano la sostenibilità e la biodiversità, la fertilità del suolo e la tutela del paesaggio.

CONTEST BORSA SCAMBIO

Come promesso torniamo con un nuovo entusiasmante CONTEST!!! Inviateci o pubblicate una foto della bambola o del giocattolo acquistato alla borsa scambio di Canneto sull’Oglio, mettete l’hashtag #museodelgiocattolofurga e noi sceglieremo le migliori da mettere sulla nostra pagina Facebook e Instagram con qualche informazione e curiosità!


REGOLAMENTO:
* solo bambole/giocattoli prodotti a Canneto sull’Oglo
* sfondo neutro
* fino a giovedì 30 aprile
* una sola foto per partecipante


Le immagini non conformi al regolamento non verranno prese in considerazione.

Visitate anche la nostra pagina Borsa Scambio – Canneto sull’Oglio per restare aggiornati !!

BORSA SCAMBIO…ONLINE

Carissime amiche e amici,

la prossima Borsa Scambio del Giocattolo in programma a Canneto sull’Oglio per domenica 3 maggio, è stata annullata per il contenimento da contagio del Coronavirus.
Grazie all’impegno di alcuni affezionati espositori, vi proponiamo una Borsa Scambio del Giocattolo “virtuale”.
Gli espositori posteranno sulla pagina Facebook ‘Borsa Scambio – Canneto sull’Oglio’ immagini e video delle loro bancarelle in modo da poter vivere, seppur lontani, un momento di condivisione dei nostri amati giochi.
Vi aspettiamo perciò domenica 3 maggio 2020, con commenti e impressioni.

Nonostante le difficoltà, restiamo sempre attivi sui social per tenervi compagnia. Venite a visitare le nostre pagine:

Facebook: Museo Civico di Canneto sull’Oglio 
                 Borsa Scambio-Canneto sull’Oglio
Instagram: museodelgiocattolofurga
Sito: www.museodelgiocattolofurga.it

CONTEST 2020

#museodelgiocattolofurga

Nonostante l’annullamento della borsa scambio del 3 maggio, l’Associazione Gruppo del Giocattolo Storico non si perde d’animo…per riempire queste giornate abbiamo proposto un Contest !
I partecipanti hanno pubblicato foto delle loro bambole con l’hashtag #museodelgiocattolofurga, solo bambole prodotte a Canneto sull’Oglio. Vi presentiamo le vincitrici con informazioni e curiosità…

locandina contest2020
  • POLDINA

La prima foto vincitrice del Contest2020 è…………POLDINA!!

Grazie Cristina Flisi per aver partecipato! Ecco alcune informazioni…

Poldina

POLDINA – Furga – 1962
Bebè con una caratteristica espressione imbronciata, alta 50 cm e abbinata al gemellino Andrea. Testa e arti in polivinile con corpo morbido ottenuto con speciale lavorazione in modo che il bebé possa assumere gli atteggiamenti di un bimbo vero. Capelli radicati lavabili e pettinabili. Prodotta fino al 1970, successivamente nel 1973 la ritroviamo con i capelli neri e nel 1975 cambia abito e fisionomia.
Andrea e Poldina sono considerati la coppia di bebè più popolari e amati dai bambini.

Catalogo Furga 1968
Catalogo Furga 1973
Catalogo Furga 1975
  • CORINNA

La seconda foto vincitrice del Contest2020 è……CORINNA!!

Grazie Matteo Arienti per aver partecipato! Ecco alcune informazioni…

Corinna

CORINNA – Furga – 1950/1955 circa
Damina in polistirolo alta 43 cm, capelli veri, occhi dormienti con ciglia. Abito in organdis con mutandoni e volants, ampia gonna ricamata, cappello in moire e giubbino a baschina. Parasole pieghevole.

Sul catalogo a schede mobili è rappresentata in verde, ma era poi prodotta in colori diversi.

Catalogo Furga 1950/1955
  • ALESSANDRA

La terza foto vincitrice del Contest2020 è……ALESSANDRA!

Grazie a Monica Scolari per aver partecipato! Ecco alcune informazioni…

Alessandra

ALESSANDRA – Furga – 1968
Alessandra è una bambola in materiale plastico; testa e braccia in vinile, gambe e busto in politene soffiato, capelli lunghi lavabili e pettinabili, occhi dormienti. Prodotta in 3 misure 35 – 40 – 47 cm, tre eleganti modelli di abito diversi per ciascuna altezza. Alessandra parla e dice 12 frasi diverse.

Catalogo Furga 1968
  • MINI FURGA

Proseguiamo con altre foto vincitrici….LE MINI FURGA!!
Grazie a Donatella Bagari, Mary Sorianello, Loretta Serradura e 69baghi per aver partecipato!

mini furga

Le “mini Furga” sono bambole con testa e arti in vinile e busto in polietilene: nel 1966 nascono Lisa e Lucia, vendute con il loro abito base, una vestaglietta a quadretti azzurra per Lisa e rosa per Lucia, e il catalogo con numerosi altri abiti e accessori.
Vengono poi aggiunte altre piccole amiche: Lara, Laura, Lia, Lola, Loretta e gli abiti base diventano degli abitini in tina unita con delle grandi margherite applicate. Nel 1970 arrivano Tina e Tilly con 6 differenti abiti.

Catalogo Laura, Lisa e Lucia
Catalogo 1970
  • BISCUIT FURGA

L’ultima foto scelta per il Contest2020 è…..BISCUIT FURGA!!

Grazie a Janetfrances per aver partecipato!! Ecco alcune informazioni…

Biscui Furga

BAMBOLA IN BISCUIT – Furga – 1922 circa
Bambola Furga in biscuit, il busto è in cartapesta, gessata e dipinta, gli arti sono in legno, gessato e dipinto, con giunti sferici per le articolazioni alle spalle, ai gomiti, alle anche ed alle ginocchia. Le mani, che in alcuni esemplari presentano uno snodo ai polsi, sono in composizione, mentre i piedi sono in cartapesta e composizione. Le varie parti del corpo sono tenute insieme da una serie di elastici. Le parrucche sono in mohair o fibra vegetale. Il marchio di fabbrica Furga Canneto s.Oglio è seguito da numeri corrispondenti all’altezza della bambola finita.

particolare del marchio

GIOCHIAMO

manifesto della mostra

MOSTRA FOTOGRAFICA DEDICATA AI BAMBINI, A FAVORE DELL’INFANZIA NEL MONDO DI STEFANO ANZOLA

Stefano Anzola da anni si dedica alle fotografie di viaggio, non come semplice turista, ma con l’intento di documentare e comunicare agli altri ciò che vede. Le sue foto offrono, oltre alla bellezza delle immagini, un’opportunità di riflessione che, inevitabilmente, ci porta a mettere a confronto la nostra realtà con quella di paesi lontani. Durante un viaggio in Asia nel 1991, vedendo i bambini giocare, Stefano Anzola, ha iniziato a catturare attraverso la fotografia le diverse modalità e tipologie di gioco usate dai bambini nel mondo. E così, viaggio dopo viaggio, foto dopo foto, è nata l’idea di mostrare, attraverso questa raccolta di immagini, dei giochi forse poveri e semplici ma ricchi di fantasia e creatività. Un mondo lontano, ma forse più vicino di quanto possa sembrare, una realtà che spesso non è molto diversa da quella che esisteva fino a qualche anno fa nella nostra società.

HALLOWEEN 2019

bambini e bambine: la Notte di Halloween si avvicina, e l’Associazione Gruppo Giocattolo Storico si prepara a festeggiare con tutti i bambini: giovedì 31 ottobre, presso il Museo Civico di Canneto sull’Oglio (piazza Gramsci), alle ore 21,00.

volantino dell’evento

Venite ad ascoltare la storia ‘IL DONO DELLA CHIMERA’ e a costruire insieme a noi il proprio libro di animali fantastici!

Lettura animata con laboratorio didattico per bambini dai 5 anni

INGRESSO GRATUITO – PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA

(Silvia 3388541166)

Per info: info@museodelgiocattolofurga.it.

1 2 3 6