BELLEZZE LILLIPUZIANE… UN GRANDE BUSINESS

Estratto di un articolo preso dalla rivista tedesca ‘Made in Europe’ del 1965, dove viene presentata la fabbrica Furga e lo stile delle bambole italiane di quel periodo.

Gli ospiti alla fabbrica di bambole di Luigi Furga, nel piccolo, quieto paese di Canneto sull’Oglio, a 70 miglia da Milano, non potranno fare a meno di essere impressionati dall’organizzazione, dall’inventiva e dall’accurata attenzione al dettaglio per qualsiasi cosa.

Questo è un autentico mondo delle bambole e gli addetti Furga non lasciano niente al caso. Tutto quello che usano, dalle scarpe agli occhi, tutti i tessuti necessari e gli articoli dei vestiti, anche gli involucri di cartone dove sono impacchettate queste meraviglie, hanno un loro scopo.

I Furga sono riusciti a creare un loro stile personale a tal punto che “lo stile italiano delle bambole” è diventato una parola chiave come “ lo stile italiano delle automobili”.

Le loro meravigliose bambole, marchio preferito di molte famiglie nobili per i loro figli, sono fatte in una varietà così stupefacente che è virtualmente impossibile per ogni importatore non trovare i vincitori tra di loro.

Dalle maschere ai manichini. Nel 1870, Luigi Furga fu quell’eccezione tra gli uomini, un nobile che “era entrato nel commercio”. Partito dalla produzione di maschere di carnevale e, non molto tempo dopo, inspirato da quello che aveva visto in Germania, si avviò entusiasticamente nella produzione di quelle che sono conosciute come “le più belle bambole del mondo”.

Per iniziare bene, portò con se esperti da Norimberga e, alla fine del secolo, assunse non meno di 200 lavoratori, un numero considerevole per una fabbrica di bambole Europee in quegli anni. Già allora, Furga esportava gran parte della sua produzione. Allo scoppio della I Guerra Mondiale, i lavoratori della Germania non poterono essere impiegati ancora e, per rimanere indipendenti dal bisogno di parti importate, fu costruita una fabbrica di porcellana per fabbricare le teste.

Lina Furga, la figlia del fondatore, crebbe felice nel magico mondo che suo padre aveva creato e niente fu più naturale di portare avanti il lavoro a cui lui aveva dato un così grande impeto.  Un nipote, Giulio Superti Furga, ha ampliato la portata dell’impresa ed è ancora attivo.

I suoi due figli, Ferdinando e Gian Carlo, la quarta generazione dei produttori di bambole Furga, condividono le responsibilità di dirigere l’azienda oggi.

Dopo la II Guerra Mondiale, l’era della plastica esplose nel mondo come una bomba pacifica, rese possibile raggiungere la perfezione anatomica e permise a Furga di realizzare un progetto a lungo sognato, quello di produrre volti non solo con l’innocenza comune alle bambole di tutto il mondo, ma anche estremamente moderni, con un’espressione autentica. Le bambole dei tempi passati non esistono più. Ogni Furga ha il suo nome proprio, le sue caratteristiche inimitabili e diventano rapidamente le amiche strette del suo fortunato piccolo proprietario.

Qual è il loro segreto? L’aspetto è un fattore vitale che guida la produzione Furga. Le bambole di lusso e i vestiti sono confezionati da parrucchieri professionali e da stiliste dalle mani esperte del mondo del fashion. Le bambole Furga sono ugualmente a casa sia a Parigi alla Galleria Lafayette sia da Schwarz sulla Fifth Avenue.

La Luigi Furga è sempre stata una fabbrica in continua innovazione, e la sua amministrazione segue questa filosofia. La produzione e le vendite sono interamente del 1966. Vicino allo stabilimento ci sono due filiali sussidiarie, più reparti per lo sviluppo dei modelli e per i vestiti all’ultima moda. Oggi, soprattutto per via del suo sistema di produzione, la compagnia impiega un migliaio di persone, un grande numero per qualunque standard. Il metodo di lavoro, macchine e progetti sono i più innovativi; molte macchine sono state ideate specificatamente per riprodurre il lavoro fatto precedentemente a mano.

Non appena si è sviluppata un’idea originale per una testa, lo sculture prepara un modello di argilla e il progettista fa uno schizzo con colori e vestiti appropriati. Tutto è soggetto di discussione: i dettagli possono essere modificati o elaborati; ci sono consultazioni con i venditori e i rivenditori.

Solo allora le forme dei corpi e delle facce sono stampate, le cui incisioni sono protette da brevetto.

Questo metodo ha dato prova dimostrabile di garantire il più alto rapporto di approvazione del cliente, anche se Furga è sempre in testa nel suo campo, essi non mancano mai di pesare tutti i pro e i contro di ogni modello prima che venga costruito.

La produzione è in un costante stato di mutazione continua – una media del 40% dei modelli cambia annualmente. Un grosso team di scultori e disegnatori lavorano tutto l’anno attorno alla creazione di nuovi tipi o cambiano e rinnovano quelli che hanno raggiunto una grande popolarità. Molta attenzione è data alle novità e ai costumi nazionali. Alcune bambole, attraverso tratti familiari come la curva del naso e del mento, ci ricordano celebri star del cinema: possiamo riconoscere Angelica de “Il Gattopardo”e Rossella di “Via col vento”. Uno dei loro più grandi successi è la serie di bambini mulatti.

Una partecipazione chiara: una scelta Furga.

Approssimativamente il 35% della produzione di oggi è esportata negli Stati Uniti, nel Sud America e, ovviamente, ovunque in Europa. Il direttore vendite Ferdinando Superti Furga dice che questo importante numero è in gran parte dovuto ai risultati soddisfacenti ottenuti dalla partecipazione a fiere del settore… e qui c’è la loro idea: fare un attento studio del listino della fiera di M.i.E. prima di cominciare. Una volta li, il catalogo ti mostrerà che il prodotto più ricercato non ha niente meno che le dimensioni di una bambola: lo stand di Luigi Furga!

Non cercherai oltre.

dopo aver visto la nostra straordinaria collezione di incantevoli bambole! Il problema peggiore sarà quale scegliere, visto che ognuna ha una personalità e un’espressione tutta sua.

I materiali, il prodotto, lo stile e la presentazione – sono tutto quello che i compratori di tutto il mondo si aspettano da noi, la più vecchia fabbrica di bambole in Italia.

Puoi richiedere ovviamente il catalogo e i prezzi ma, ancora meglio, vieni a vedere queste bellezze di persona a Norimberga, alla Fiera del Giocattolo di Milano e alla Fiera del Commercio Internazionale di Milano, dove noi possiamo discutere del materiale in vendita che abbiamo a disposizione per te. Sarà un piacere invitarti nei nostri uffici, dove potrai vedere di persona cosa si nasconde dietro il nostro meritato slogan: 1870-1964 – le più belle bambole del mondo – allora e adesso.

NOVITA’ : CALAMITA 2019

Una novità vi aspetta al Museo del Giocattolo di Canneto sull’Oglio (MN): la calamita 2019! Non perdete questo nuovo gadget! Venite a visitare il museo e scoprire il magico mondo delle bambole e dei giocattoli cannetesi.

Bambole (da sinistra): Marcellino e Michelina (FIBA), Faustino e Faustina (Furga), Nonno Poldo e Nonna Bice (G.A.Dea)

SPILLA 2019 – MARTIN CUOR CONTENTO

E’ ARRIVATA LA NUOVA SPILLA…

Spilla 2019 – Martin Cuor Contento
Zanini&Zambelli

L’Associazione Gruppo del Giocattolo Storico è lieta di presentare: la spilla 2019!

Non perdere l’occasione! Vieni a visitare il nostro museo e avrai in omaggio questa bellissima spilla!

Il soggetto di quest’anno è MARTIN CUOR CONTENTO della Zanini & Zambelli, prodotto verso la fine degli anni 60 del 900 e realizzato dalla scultrice Gioconda Velluti, detta Dina.

Nel nostro shop online trovi anche le spille degli scorsi anni…collezionale tutte!!

TESSERAMENTO 2019

Tessera Socio 2019 – Martin Cuor Contento
Zanini&Zambelli

L’associazione ‘Gruppo del Giocattolo Storico’ di Canneto sull’Oglio comunica l’apertura del tesseramento per l’anno 2019.

Diventa socio per sostenere e aiutare a migliorare il nostro bellissimo museo!

La tessera ha un costo di soli 5 euro annui! Ogni tesserato riceverà la spilla 2019 in omaggio!

DONIAMO UNA BAMBOLA

L’Associazione Gruppo del Giocattolo Storico e il Comune di Canneto sull’Oglio ringraziano calorosamente tutti gli espositori, i collezionisti e i privati che hanno donato una bambola o un giocattolo in memoria di Paola! Fino al 21 ottobre le donazioni saranno esposte all’ingresso del museo, dopodiché verranno posizionate nelle sale con una didascalia apposita!

 

GRAZIE!

 

PS: chi non fosse riuscito a venire in questi giorni potrà comunque donare anche in seguito!

 

DONIAMO UNA BAMBOLA

Nasce dal sentire comune di alcuni collezionisti un’iniziativa che si estende a tutti con lo scopo di ricordare Paola Beretta da poco tragicamente scomparsa.
In sua memoria , il 30 settembre ,in occasione della 26° Borsa scambio del giocattolo di Canneto sull’Oglio , i collezionisti espositori e visitatori potranno donare una bambola o un giocattolo liberamente scelti , al Museo del Giocattolo di Canneto sull’Oglio.

Gli oggetti donati saranno collocati su un tavolo allestito all’ ingresso del Museo e successivamente esposti in mostra permanente in una sala interna dedicata a Paola Beretta, a memoria dell’opera da lei svolta in tutti questi anni.

A chi l’ha conosciuta rimane vivo il ricordo di una donna di grande statura umana e professionale animata dal costante obiettivo del sapere visto nell’ottica generosa della condivisione.
Per chi non l’ha conosciuta direttamente resta tangibile la qualità del suo lavoro all’interno del Museo del giocattolo attraverso il percorso testimoniale storico e culturale legato alla valorizzazione della sua terra.

MODA chiama MODA: L’ABITO VINCITORE

Progettare l’abito di una bambola: un’esperienza di alternanza scuola-lavoro

Nell’anno scolastico 2016/2017 l’Associazione Gruppo del giocattolo storico ha proposto all’Istituto Bonomi Mazzolari di Mantova un progetto di alternanza scuola-lavoro invitando gli studenti della classe 3 A TS Settore moda a progettare l’abito di una bambola.

Questa esperienza è nata dalla lunga amicizia che lega Edi Scaglioni – artista di bambole e docente di modellistica all’Istituto mantovano – alla Collezione del giocattolo.

Il progetto ha comportato un vero e proprio iter di progettazione stilistica e modellistica – grazie anche al coinvolgimento della docente di progettazione e storia del costume Annamaria Giacomelli – per approdare alla realizzazione di modelli ispirati alla moda degli anni ’60 e ’70. Partendo dallo studio della cultura di quegli anni, gli studenti hanno realizzato un book che ne illustrasse lo spirito, progettato e realizzato un abito in scala 1:2.

Tra tutti i lavori – esposti nelle sale della Collezione la scorsa primavera – una commissione tecnica ha selezionato il modello realizzato da Giada Mezzani per la sua originalità, coerenza al tema, abilità di realizzazione.

Giada lo ha quindi ridotto sulle misure di Pritti Millemosse (Furga, 1974) ed il suo abito entra ora a far parte dell’esposizione permanente della Collezione del giocattolo Giulio Superti Furga.

 

TESSERAMENTO 2018

Tessera 2018 – Rosebonbon (FIBA)

TESSERAMENTO 2018!

L’associazione ‘Gruppo del Giocattolo Storico’ di Canneto sull’Oglio comunica l’apertura del tesseramento per l’anno 2018.

Diventa socio per sostenere e aiutare a migliorare il nostro bellissimo museo!

La tessera ha un costo di soli 5 euro annui!

 

 

Per maggiori informazioni non esitare a contattarci:

info@museodelgiocattolofurga.it

SPILLA 2018

Spilla 2018 – Rosebonbon (FIBA)

E’ ARRIVATA LA NUOVA SPILLA…

L’Associazione Gruppo del Giocattolo Storico è lieta di presentare: la spilla 2018!

Non perdere l’occasione! Vieni a visitare il nostro museo e avrai in omaggio questa bellissima spilla!

Nel nostro shop online trovi anche le spille degli scorsi anni…collezionale tutte!!

1 2 3